• MIGLIOR TARIFFA ONLINE

    Solo su questo sito le migliori tariffe e condizioni

  • OFFERTE E PROMOZIONI

    Scopri le nostre promozioni e scegli l'offerta su misura per te

  • WI-FI GRATUITO

    Wi-fi gratuito in tutta la struttura e nelle camere

Data di arrivo
Data di partenza
Ospiti per camera
Adulti Bambini Neonati
fino a 12 anni fino a 3 anni

SAN TOMMASO


Quando San Tommaso nacque, forse nel 1224, la corte cui sovrintendeva Aquino era una vastissima contea che si estendeva ai paesi limitrofi, tra cui Castrocielo, Roccasecca, Aquino e prendeva il nome di Contea di Aquino. Dalla potente famiglia che era a capo di questo feudo, nacque il futuro Dottore Angelico. Egli diffuse la sua santità e il suo sapere lungo le strade dell’Europa, da Montecassino a Napoli, a Parigi, a Colonia. Aquino conserva i resti di quello che fu il Castello dei Conti d’Aquino e la "casa di San Tommaso", con l'imponente Torre romboidale che si affaccia sul vallone d'Aquino. Al centro del paese, la Basilica-cattedrale dedicata all'Angelico conserva la costola del cuore, reliquia donata dall'arcivescovo di Tolosa. All’esterno una statua moderna ricorda l’immagine dell’Angelico. A circa trecento metri, si trova la magnifica chiesa di S. Maria della Libera (sec. XI), in stile romanico benedettino, dove l’Angelico fu battezzato. Costruita con materiale di reimpiego romano sui resti del Tempio di Ercole Liberatore, conserva il singolare sarcofago del I-II sec. d.C. con la figura di una quadriga, che funge da altare.

Di fronte, lungo il tratto ancora lastricato in basole romane della Via Latina (sec. II a.C.), i resti della chiesetta seicentesca detta di S. Tommaso, in territorio di Castrocielo. Essa costituiva il primo punto di raccoglimento per i pellegrini che si recavano a visitare la terra di S. Tommaso e di S. Benedetto. A Castrocielo centro, da visitare la chiesa di S. Rocco con Pinacoteca dove ammirare l’affresco di S. Giovanni Apostolo (1200). A Roccasecca si trova la chiesa di San Tommaso (sec. XIV), la prima eretta in tutto il mondo in onore del Santo. Inserita nello splendido scenario medioevale del borgo Castello, si trova a pochi metri del Castello paterno, i Conti d’Aquino, dove nacque l’Angelicus. Un importante episodio della vita del Santo coinvolge il ben conservato e visitabile Castello di Monte San Giovanni.

Qui, nel 1243, fu rinchiuso per due anni dai suoi familiari che, per impedirgli di intraprendere l’ordine domenicano, scelta contraria alle ambizioni della nobile famiglia, lo indussero in tentazione introducendo nella sua stanza una donna discinta che egli scacciò. Per questo episodio “Tommaso avrebbe avuto il dono divino di essere cinto dagli angeli con il cingolo della perpetua castità, ed un tale privilegio gli meritò l’appellativo di Angelico”. La stanza occupata dal Santo fu in seguito trasformata in cappella. Mentre si reca a Lione, chiamato da Gregorio X, Tommaso, stanco e malato, si fermò nell’abbazia cistercense di Fossanova, dove morì il 7 marzo 1274. Venne canonizzato nel luglio 1323 da Giovanni XXII, dichiarato Dottore della Chiesa da Pio V nel 1567 ed elevato a patrono di tutte le scuole da Leone XIII nel 1882.